TUTTO SUL FIMO- Primi passi con il Fimo: cos'è e come si usa

dicembre 09, 2013
Vorresti cimentarti nella lavorazione dei Fimo ma non sai minimamente da dove partire? Sei alla ricerca di consigli utili e sei alle prime armi? Segui questa guida in cui parleremo di tutto ciò che devi sapere prima di iniziare a lavorare questa pasta cioè cos'è il Fimo e come si usa.

Vi risparmio le noiose definizioni di wikipedia e parto con il dirvi che il Fimo è una pasta sintetica facilmente modellabile con le mani e l'aiuto di vari attrezzi che si cuoce in forno. In particolare il Fimo è il nome di un prodotto della marca Staedtler, ma in realtà in commercio esistono altri  materiali simili al Fimo come per  esempio il Cernit, la KatoClay, Pardo ecc. La principale differenza tra queste paste, oltre alla marca, è legata diverse consistenze (la pasta Pardo per esempio è un po' più morbida da modellare mentre il Cernit è un po' più duro) e diversi costi. Tutte vengono classificate nel calderone delle paste polimeriche, le differenze sono minime in quanto il risultato finale è sempre più o meno lo stesso.

Tipi di pasta fimo

Il Fimo esiste in tantissime tipologie in particolare troviamo:
  • Fimo Professional: la pasta è abbastanza dura a livello di consistenza, quindi permette di fare lavori precisi (per esempio le murrine o le canes). Il Fimo Classic è stato sostituito dal Fimo Professional di uguale consistenza e consentirà di fare lavori precisi. 
  • Fimo soft: è appunto soft quindi molto più morbida e basta una lavorazione breve con le mani per riuscire ad ottenere la giusta consistenza per lavorare. Essendo morbida si fa meno fatica a condizionare, tuttavia si appiccica facilmente alle superfici di lavoro e si deforma facilmente. Non consente quindi di fare lavori molto precisi per via della facile malleabilità. 
  • Fimo Metallizzato: trovate l'imitazione oro, argento e rame
  • Granito: effetto pietra o marmo
  • Trasparente: si chiama fimo translucent che da un effetto "trasparente". Ottimo per realizzare venature nelle perle o effetti particolari nella pasta
  • Fluorescente: si illumina al buio! potete ottenere l'effetto fluo mettendo anche delle vernici acriliche fluorescenti oppure pigmenti 
  • Perlescente e glitterato: effetto gilitter e perlato nella pasta. 
  • Fimo Liquid: è Fimo...però liquido. Adatto per fare le glasse dei dolci e può essere mescolato con pigmenti, acrilici e gessetti policromi per ottenere diverse colorazioni. Può essere utilizzato per unire parti diverse di fimo a crudo rinforzando la struttura della vostra creazione evitando spiacevoli rotture dopo la cottura. Il fimo liquid non è un lucido e va applicato sempre prima della cottura! 
  • Fimo Kids: pasta polimerica di marca Fimo, ideale per i più piccoli! Si tratta di una pasta molto morbida, adatta appunto alle manine dei bimbi e non adatto a lavori precisi. Ottima alternativa per far avvicinare i bimbi al mondo delle paste polimeriche e della creatività!
  • Fimo Air: asciuga all'aria! Non necessita quindi di cottura in forno, dopo averlo modellato è quindi sufficiente lasciarlo asciugare all'aria. I tempi di asciugatura del fimo air dipendono dallo spessore della creazione (in genere sono necessarie 24 ore, ma dipende dalla vostra creazione). Questa tipologia di fimo esiste anche nella versione microwave (cottura a microonde). Se non avete tempo di aspettare l'asciugatura delle vostre creazioni in fimo air, acquistate i panetti apposta per la cottura nel fornetto a microonde (attenzione che vi sia la specifica "cottura a microonde"!!!)
Le caratteristiche principali del fimo
  • Tantissimi colori! Il fimo esiste in tantissime colorazioni. Qualora vi stiate avvicinando al fimo e volete acquistare l'essenziale per capire se questo hobby fa per voi,  non c'è bisogno di acquistare tutti i panetti perchè con ingegno e pazienza si possono ricreare tutte le sfumature. Vi basterà quindi acquistare il bianco, nero, blu, giallo e rosso per ottenere tutti i colori secondari con le rispettive gradazioni. Altri colori difficili da realizzare nella mia esperienza sono il marrone cioccolato e il fucsia; eventualmente per questi valutate l'acquisto. Se volete l'effetto glitter oppure perlato, inserite i glitter o un po' di ombretti nella pasta
  • Facile lavorazione per via della sua consistenza abbastanza morbida, molto simile alla consistenza della plastilina. Quando aprite un panetto è abbastanza duro, tuttavia attraverso il condizionamento della pasta (lavorandola tra le mani), la pasta si scalderà e diventerà più facile modellarla a nostro piacimento. Attenzione a non sottovalutare questo passaggio! È importante lavarsi  bene le mani, tenere sempre a disposizione uno spray con dell'acqua per eliminare eventuali residui sul tavolo di lavoro perchè i pelucchi e le macchie di altri colori sono in agguato, soprattutto se lavorate la pasta bianca
  • Non indurisce all'aria: potete riprendere la vostra creazione o modificarla quando e quanto volete, senza fretta. Vi sconsiglio però di lasciare la creazione cruda pronta per tanto tempo all'aria aperta per via della polvere. Per quanto riguarda i panetti aperti, purtroppo la confezione del fimo una volta aperta conserva poco il prodotto perchè la  plastica è poco resistente e si spacca subito; vi consiglio di avvolgere il panetto nella pellicola da cucina senza PVC (non tutte le pellicole vanno bene, soprattutto quelle con pvc che generano nel tempo reazioni chimiche alla pasta) e conservarla in una  scatola a chiusura ermetica, oppure quei sacchettini trasparenti con chiusura sempre ermetica. Se si trascura il passaggio della corretta conservazione, rischiate di trovarvi i panetti duri come il marmo! Il fimo se tenuto eccessivamente a contatto con l'aria si indurisce fino a seccarsi completamente, rendendo molto difficile la lavorazione. Sottolineo che il fimo non scade quindi potete tranquillamente utilizzare panetti vecchi anche duri. L'unico inconveniente sarà riuscire a rendere morbida la pasta per farla tornare appunto lavorabile.
  • È termoindurente: si cuoce nel forno di casa o in un fornetto elettrico apposito (minimo 9 lt) ad una temperatura di 110-130 gradi misurati con termometro da forno (i gradi della manopola non sempre corrispondono alla temperatura interna), sconsigliata invece la cottura a bagno maria. E' necessario tempo di cottura di MINIMO 30 minuti. Per qualsiasi dubbio sulla cottura prendete il vostro panetto perchè davanti trovate la temperatura e il tempo.  Vi ricordo solo che il Fimo non è tossico, ma può diventarlo solo se viene bruciato.  Dopo la cottura lasciare comunque areare il forno e per risparmiare energia cuocete più creazioni insieme. Vuoi maggiori info sulla cottura? Consulta QUESTO ARTICOLO
  • Colorazione: può essere decorato con colori acrilici, gessetti policromi, pigmenti e tempere. Consiglio di applicare i pigmenti e i gessetti prima della cottura in modo che la pasta assorba il colore, mentre applicare i colori acrilici e tempere dopo la cottura. In entrambe i casi dopo la cottura passate una vernice lucidante in modo da fissare il colore ed evitare seccature 
  • Costo: il Fimo come le altre paste polimeriche non è molto a buon mercato, ha un costo che varia da 1.60€ a 4.00€ a panetto (il costo è legato ai panetti da 56g poi per i panetti più grandi il costo aumenta). Si può acquistare su internet usufruendo anche di prezzi migliori anche se non potete controllare voi stessi la qualità del prodotto. Se acquistate online valutate bene il sito e la sua affidabilità. Per chi  non può o non vuole acquistare in rete può trovare il fimo e tutto l'occorrente nei negozi di bricolage e fai da te. Hai bisogno di un negozio affidabile dove acquistare i tuoi primi panetti di fimo? Consulta QUESTO ELENCo
Che lavori posso fare?

Questa domanda può sembrare banale, ma non lo è perchè si può fare veramente tutto...più di quanto si possa immaginare! Dai semplici e classici orecchini, braccialetti e collane, si possono fare perline e perle, decorare cornici, decorare il vetro, creare portafoto, cover per cellulari, dipingere...insomma potete proprio sbizzarrirvi. La sua versatilità va di pari passo con la vostra fantasia. In passato, i primi lavori in fimo che ho visto erano i classici dolcetti e pensavo si potesse fare solo questo. Invece ho scoperto il mondo! Creazioni per adulti e per bambini per tutte le occasioni, si accontentano proprio tutti.

Per saperne di pù
Ti consiglio la lettura dell'articolo LE 10 COSE CHE DEVI SAPERE SE VUOI LAVORARE IL FIMO e divertiti a leggere le guide di questo sito...sono sempre aggiornate con nuovi consigli! Inoltre, se sei su Facebook, iscriviti al nostro gruppo interamente dedicato al fimo; potrai fare domande, guardare nuovi tutorial, postare le foto delle tue creazioni per avere consigli e partecipare alle nostre attività creative di gruppo sul tema :)

Powered by Blogger.